Presidenza slovena della Convenzione delle Alpi

In occasione della XVII Conferenza delle Alpi (27 ottobre 2022) la Slovenia ha assunto dalla Svizzera la Presidenza della Convenzione delle Alpi per il periodo 2023-2024. La Presidenza slovena, in stretta collaborazione con gli altri Parti contraenti, gli Osservatori e il Segretariato permanente, concentrerà il suo operato sul tema della qualità della vita nella regione alpina.

Durante il suo biennio di Presidenza, la Slovenia si concentrerà su tre aree prioritarie: la qualità della vita come tema principale, l'educazione ambientale con particolare attenzione ai cambiamenti climatici, e la biodiversità.

  • Attraverso le attività che affronteranno queste aree tematiche, la Presidenza slovena contribuirà all'attuazione delle tre priorità del nuovo Programma di Lavoro Pluriennale della Conferenza delle Alpi 2023-2030: conservare e valorizzare la biodiversità e gli ecosistemi alpini; intraprendere iniziative ambiziose per il clima; offrire una buona qualità della vita alle persone nelle Alpi.
  • La qualità della vita non è ancora stata affrontata in modo esaustivo nell'ambito della Convenzione delle Alpi, sebbene venga citata sia nella Convenzione quadro che nella Dichiarazione "Popolazione e Cultura", sottolineando la necessità di bilanciare gli interessi economici con le condizioni ambientali e garantendo le basi per il tenore di vita della popolazione alpina. Ciò include la conservazione degli spazi abitativi, la qualità della vita e le pari opportunità per le persone che vivono nelle Alpi. La Slovenia vuole fare un passo avanti e dare nuovo impulso a questo tema.
  • Gli educatori sono attori importanti nell'attuazione degli obiettivi climatici della Convenzione delle Alpi e del suo Piano d'Azione per il clima 2.0. La Slovenia intende sottolineare l’importanza di introdurre il tema dei cambiamenti climatici nei programmi educativi formali e l’apprendimento esperienziale a contatto con la natura, incoraggiando una possibile cooperazione futura in questo ambito.
  • La biodiversità alpina e gli sforzi su questo tema sono importanti sia a livello alpino che a livello regionale e globale. La Slovenia desidera sottolineare il contributo originale della Convenzione delle Alpi nell’attuazione del Quadro Globale per la Biodiversità post-2020 (Kunming-Montreal Global Biodiversity Framework).

In relazione a questi temi, la Presidenza slovena condurrà o sosterrà le seguenti attività:

  • Elaborazione della decima Relazione sullo stato delle Alpisul tema della qualità della vita, che dovrà essere adottata dalla XVIII Conferenza delle Alpi. In collaborazione con le Parti contraenti, gli Osservatori, i Gruppi di Lavoro tematici e gli stakeholder, verrà elaborata una revisione completa dello status quo, basandosi sui risultati della nona Relazione sullo stato delle Alpi dedicato al tema della città alpine. I risultati e le raccomandazioni fungeranno da guida per ulteriori attività nell'ambito dell'attuazione del Programma di Lavoro Pluriennale 2023-2030 relativo a questa priorità.
  • La rete panalpina dei Villaggi degli Alpinistisi riunirà in Slovenia nel 2024 per il suo incontro annuale sul tema del patrimonio culturale. Attraverso la conservazione del patrimonio culturale materiale e immateriale, i Villaggi degli Alpinisti cercano di rafforzare sia l'offerta turistica che l'identità locale associata all'appartenenza all'area alpina nonché la qualità della vita della popolazione. Anche la mostra Constructive Alps - sesta mostra itinerante sulla ristrutturazione e l'edilizia sostenibile - richiamerà l'attenzione su questi aspetti.
  • Nella seconda metà del 2023 sarà organizzata una conferenza sull'educazione ambientale, con particolare attenzione ai cambiamenti climatici. La Slovenia vuole sottolineare l'apprendimento esperienziale a contatto con la natura come parte del processo educativo formale e come opportunità per cambiare il comportamento attuale e quello delle generazioni future in relazione al cambiamento climatico.
  • Nell'ambito del tema del cambiamento climatico e delle attività giovanili, la Slovenia sostiene il progetto YOALIN, che diffonde tra i giovani la consapevolezza circa modalità di viaggio sostenibili e contribuisce agli obiettivi di decarbonizzazione dei trasporti nelle Alpi, in conformità con l'accordo dell'Alleanza del Sempion.
  • Nella prima metà del 2024 sarà organizzata una conferenza sul tema della biodiversità, con particolare attenzione ai contributi della Convenzione delle Alpi nell'attuazione del Quadro Globale per la Biodiversità post-2020. Il tema principale sarà gli elementi chiave del paesaggio naturale e culturale per la biodiversità, soprattutto alla luce del miglioramento della connettività ecologica e del ripristino degli ecosistemi.
  • Biodiversità, natura e il suo ruolo nella qualità della vita saranno probabilmente il tema del Premio Giovani ricercatori della Convenzione delle Alpi, che sarà sostenuto dalla Presidenza slovena in collaborazione con ISCAR.

Periodo Presidenza Conferenza delle Alpi
2021-2022 Svizzera Brig
2019-2020 Francia virtualmente
2016-2019 Austria Innsbruck
2015-2016 Germania Grassau
2013-2014 Italia Torino
2011-2012 Svizzera Poschiavo
2009-2011 Slovenia Brdo pri Kranju
2007-2008 Francia Evian (Marzo 2009)
2005-2006 Austria Alpbach
2003-2004 Germania Garmisch-Partenkirchen
2001-2002 Italia Merano
1999-2000 Svizzera Lucerne
1996-1998 Slovenia Bled
1995-1996 Slovenia Brdo
1991-1994 Francia Chambery
1989-1991 Austria Salzburg

 

X

We are using cookies.

We are using cookies on this web page. Some of them are required to run this page, some are useful to provide you the best web experience.