25 anni di azione comune per proteggere la biodiversità alpina

Nel 1995, appena quattro anni dopo l’istituzione della Convenzione delle Alpi, nasce, su iniziativa dello Stato francese per attuare la Convenzione delle Alpi sul territorio, la Rete delle Aree Protette Alpine (ALPARC).

ALPARC, inizialmente ospitata dal Parco nazionale degli Écrins nelle Alpi centrali francesi, ha fatto poi parte per sei anni della Task Force Aree Protette all'interno del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi, fino a diventare un'associazione indipendente nel 2013.

Da un quarto di secolo, i parchi nazionali, i parchi naturali, le riserve naturali e le riserve della biosfera si uniscono sotto l'ombrello di ALPARC per scambiare buone pratiche, armonizzare le metodologie di osservazione, realizzare campagne di sensibilizzazione e molte altre attività concrete.

Le aree protette hanno il compito di gestire alcune delle aree naturali più preziose nel cuore d’Europa. Essendo principalmente enti pubblici, si trovano in una posizione unica per effettuare osservazioni a lungo termine, essenziali per la ricerca scientifica, così come per collaborare con gli attori economici del loro territorio.
Tuttavia, anche se ci sono quasi mille aree protette nelle Alpi che coprono oltre il 28% della superficie del perimetro della Convenzione delle Alpi, queste aree variano dal punto di vista del livello di protezione che forniscono. Inoltre, non tutte sono dotate di personale assunto. Infatti, solo il 10% circa dell'area alpina è fortemente protetto (categorie IUCN I o II) e l'attenzione si concentra sulle altitudini più elevate - dove i conflitti d’uso del suolo sono inferiori, ma i livelli di biodiversità non sono i più alti rispetto altrove.

Nel complesso, le aree protette sono troppo piccole per proteggere da sole la biodiversità alpina e rischiano di essere isolate le une dalle altre così come dalle altre aree montane europee, dalle valli e dagli agglomerati altamente sviluppati ai piedi delle Alpi. Questa è la ragione per la quale uno dei punti principali del lavoro di ALPARC, fin dalla sua creazione, è l'attuazione dell'articolo 12 del Protocollo sulla protezione della natura e tutela del paesaggio della Convenzione delle Alpi, vale a dire la creazione di una rete ecologica lungo tutto il territorio alpino, di cui i membri di ALPARC sono la spina dorsale.

Dal 16 al 18 settembre, i membri e i sostenitori di ALPARC hanno celebrato il XXV anniversario dell'organizzazione in occasione dell’inizitiva Late Summer Event, che ha combinato seminari tecnici ed escursioni nella culla del territorio della rete di ALPARC: Le-Monêtier-les-Bains, in Francia, nel Parco Nazionale degli Écrins.  

Congratulandosi con i partecipanti, la Segretaria generale della Convenzione delle Alpi, Alenka Smerkolj, li ha ringraziati per il ruolo attivo che ALPARC svolge come Osservatore della Convenzione delle Alpi, affermando che: "Il fattore umano, le interazioni personali tra persone impegnate per gli stessi obiettivi sono anche un motivo per il quale essere felici. Fin dall'inizio, la rete delle aree protette è stata accolta con entusiasmo dai gestori dei parchi e dal loro personale. Questo è qualcosa di cui essere orgogliosi e che andrà sostenuto anche nei prossimi decenni!”

 

Utilizziamo i cookie per fornirvi le migliori informazioni possibili sul nostro sito web. Se si desidera continuare a navigare su questo sito web, si prega di accettare l'uso dei cookie.