Gruppo di esperti ad hoc per l’elaborazione della V Relazione sullo stato delle Alpi

Il Gruppo di esperti ad hoc ha lavorato nel biennio 2013-2014 sotto Presidenza Italiana 
 

Come affermato anche dalla Dichiarazione Popolazione e cultura della Convenzione delle Alpi, agli aspetti socio-economici e socio-culturali è attribuita un’importanza centrale per l’attuazione di una politica globale per la protezione e lo sviluppo sostenibile delle Alpi. Gli Stati membri si sono pertanto impegnati a conservare e promuovere la diversità culturale nelle Alpi, nonché a concentrarsi sulle esigenze, le aspettative e le idee delle persone che ci vivono. 
  
Il Gruppo di esperti ad hoc è stato istituito dai Ministri durante la XII Conferenza della Alpi nel 2012 con il compito di redigere la Quinta Relazione sullo Stato delle Alpidedicata ai  cambiamenti demografici.   
 
Il Gruppo di esperti ha portato avanti il lavoro del  Gruppo di lavoro Demografia ed Occupazione secondo quanto stabilito durante la X Conferenza delle Alpi del 2009, dove già era stato fornito un quadro sulla demografia nelle Alpi.   
 
Il materiale finora elaborato è servitor da punto di partenza per il lavoro del Gruppo di esperti nonché per attività e ricerche più specifiche. Per la preparazione della quinta Relazione sullo Stato delle Alpi sono stati raccolti, tra l’altro, anche alcuni casi studio al fine di fornire una guida ai decisori politici.   
 
Il Gruppo di lavoro ad hoc era costituito da rappresentanti delle Parti Contraenti e dagli Osservatori, nonché da esperti e altri stakeholders.
 
Risultati raggiunti

Obiettivo principale del Gruppo di esperti ad hoc era la redazione della quinta Relazione sullo Stato delle Alpi, da predisporre entro la XIII Conferenza delle Alpi, con i seguenti obiettivi da raggiungere:

  • raccogliere buone pratiche selezionate sulla base di specifici criteri;
  • fornire indicazioni ai decisori politici per quanto riguarda l’uso delle buone pratiche e la loro attuazione;
  • mettere in luce e analizzare i cambiamenti nella struttura e nella composizione della popolazione alpina;
  • osservare le dinamiche occupazionali;
  • prendere in considerazione il ruolo dei diversi livelli di istruzione e formazione e il loro effetto sulla società.

La Quinta Relazione sullo Stato delle Alpi è stata adottata dalla XIII Conferenza delle Alpi ed è in fase di stampa. La versione cartacea e quella digitale in formato PDF saranno disponibile a partire da maggio 2015.

Ritorna alla lista
Utilizziamo i cookie per fornirvi le migliori informazioni possibili sul nostro sito web. Se si desidera continuare a navigare su questo sito web, si prega di accettare l'uso dei cookie. Wir verwenden Cookies, um Sie auf unserer Webseite bestmöglich mit Informationen versorgen zu können. Wenn Sie diese Webseite weiterhin nutzen, akzeptieren Sie die Verwendung von Cookies.