Intranet 
RicercaInizia la ricerca

Una prospettiva globale sui cambiamenti climatici in montagna
Una prospettiva globale sui cambiamenti climatici in montagna
Una delegazione del Segretariato Permanente della Convenzione delle Alpi si è recata in treno a Katowice, in Polonia, per promuovere la prospettiva delle montagne in occasione della Conferenza mondiale sul clima COP24.  Il 7 dicembre 2018, in occasione dell’evento collaterale co-organizzato dall'Austria e dal Segretariato Permanente presso il Padiglione dell’Unione Europea, la Vice Segretaria Generale, Marianna Elmi, ha moderato la discussione sul tema delle priorità e delle misure di mitigazione dei cambiamenti climatici nelle zone montane dell’Europa, dell'Hindu Kush Himalaya e a livello globale. Il Segretario generale della Convenzione delle Alpi, l'Ambasciatore Markus Reiterer, durante un evento incentrato sul tema dell’adattamento delle regioni montane ai cambiamenti climatici, co-organizzato dall’Austria e da UNEP in occasione della Giornata Internazionale della Montagna, ha presentato l’imminente Alpine Convention Climate Target System 2050, e il settimo Rapporto sullo stato delle Alpi dedicato al tema della governance del rischio nell’ambito dei pericoli naturali. La situazione delle aree montane nelle diverse regioni del mondo è molto diversificata, condividendo tuttavia molte questioni comuni, come, ad esempio, il ruolo delle foreste nella mitigazione dei cambiamenti climatici e la necessità di un'attenta gestione delle risorse idriche in un’ottica di resilienza. "Comunicare il tema dei cambiamenti climatici in modo efficace, e lavorare a stretto contatto con le giovani generazioni - come nel caso del Parlamento dei Giovani della Convenzione delle Alpi, che affronterà proprio questo tema nella sua prossima seduta del 2019 a Merano (Italia) - sono la chiave per superare le sfide che ci troviamo ad affrontare" ha concluso Reiterer.

<<